LA RESPONSABILITA’ DELL’ALBERGATORE COINVOLGE DAL PUNTO DI VISTA DEL DIRITTO ANCHE I TITOLARI DI B&B

Uno dei problemi che i gestori di bed and breakfast si trovano a dovere affrontare è quello in merito alla loro responsabilità sui beni personali dei clienti presenti nelle camere in cui alloggiano.
A regolamentare la normativa in materia provvede il codice civile con gli articoli 1783-1786:

Gli albergatori sono responsabili di ogni deterioramento, distruzione o sottrazione delle cose portate dal cliente in albergo.
Sono considerate cose portate in albergo:

  1.  le cose che vi si trovano durante il tempo nel quale il cliente dispone dell’alloggio;
  2. le cose di cui l’albergatore, un membro della sua famiglia o un suo ausiliario assumono la custodia, fuori dell’albergo durante il periodo di tempo in cui il cliente dispone dell’alloggio;
  3. le cose di cui l’albergatore, un membro della sua famiglia o un suo ausiliario assumono la custodia sia nell’albergo, sia fuori dell’albergo, durante un periodo di tempo ragionevole, precedente o successivo a quello in cui il cliente dispone dell’alloggio.

La responsabilità di cui al presente articolo è limitata al valore di quanto sia deteriorato, distrutto o sottratto, sino all’equivalente di cento volte il prezzo di locazione dell’alloggio per giornata.

Il titolare del b&b, inoltre, non può rifiutarsi, su richiesta del cliente, di prendere in custodia i beni preziosi e il denaro contante assumendo così tra l’altro una responsabilità illimitata nei suoi confronti.
Il rifiuto può avvenire solo quando si tratti di oggetti pericolosi o il cui valore sia smisuratamente eccessivo rispetto al livello della struttura ricettiva (se un cliente chiede di tenere in deposito e custodire un diamante da 3 carati oppure 10.000 euro, un hotel a a 5 stelle, un resort di lusso non può rifiutarsi ma un bed and breakfast sicuramente si.).

La responsabilità diventa nulla nel momento in cui

il deterioramento, la distruzione o la sottrazione dei beni personali del cliente avvengono per colpe da imputare allo stesso cliente, alle persone che l’accompagnano, che sono al suo servizio o che gli rendono visita, per motivi di forza maggiore o per natura stessa della cosa.

Il titolare di un b&b è, inoltre, esonerato da qualsiasi responsabilità nei confronti del cliente nel caso di veicoli, di cose lasciate negli stessi e degli eventuali animali da compagnia al seguito.

Sulla base di questa normativa si tenga presente che eventuali cartelli con dicitura  “Non ci assumiamo la responsabilità per gli oggetti lasciati in camera dagli ospiti” non hanno alcun valore dal momento che:

Sono nulli i patti o le dichiarazioni tendenti ad escludere o a limitare preventivamente la responsabilità dell’albergatore

L’art. 1786, infine, chiarisce ogni eventuale dubbio sulle figure professionali interessate dalla normativa specificando che questa si applica (bed and breakfast compresi)

anche agli imprenditori di case di cura, stabilimenti di pubblici spettacoli, stabilimenti balneari, pensioni, trattorie, carrozze letto e simili.

A fronte di una situazione normativa di questo tipo, è evidente che sia interesse di chiunque gestisca una struttura ricettiva tutelarsi nel migliore dei modi.
Come? Affidando la propria sicurezza e quella dei clienti a una buona cassaforte.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi